Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546

Related Posts

tecnologie per la pediatria

Verso una pediatria sempre più tecnologica e “connessa” ai pazienti

Verso una pediatria sempre più tecnologica e “connessa” ai pazienti

Il digitale sta modificando in maniera significativa tutte le fasi della presa in carico del paziente, dalla prevenzione alla cura, fino al post ricovero, grazie a strumenti quali la Telemedicina, la Cartella Clinica Elettronica, l’Intelligenza Artificiale e le Terapie Digitali.

La crescita della spesa per la Sanità digitale conferma il ruolo strategico del digitale per innovare l’attuale modello sanitario: nel 2018 la spesa per la Sanità digitale è cresciuta del 7%, con un valore pari a 1,39 miliardi di euro, rafforzando il trend di crescita iniziato l’anno precedente con un aumento del 2%.

tecnologie per la pediatria

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 e la conseguente necessità di trovare soluzioni in breve tempo per risolvere esigenze improvvise, ha ulteriormente accorciato quella distanza tra clinica e sviluppo tecnologico che per motivi culturali esiste ancora, rendendo impellente il bisogno di accelerare la trasformazione tecnologica e digitale della medicina, e della pediatria in particolare.

Non passerà molto tempo prima che le famiglie inizieranno a domandare ed usare “risorse pediatriche” indipendentemente dalla loro localizzazione.

Il paziente che oggi accede alle cure e ai sistemi di assistenza, non è più un soggetto passivo, subordinato alle regole del sistema sanitario pubblico, ma in molti casi ha sviluppato grande capacità di analisi e consapevolezza dei propri bisogni di salute e dei propri diritti.

Tuttavia, questa accresciuta consapevolezza non basta a garantirgli condizioni di accesso migliori ai servizi sanitari, a causa di un sistema sanitario pubblico sempre più autoreferenziale e spesso difficile da penetrare.

Ecco che per avere un nuovo rapporto con i medici e nuove garanzie di salute e sicurezza per sé e i propri familiari, i pazienti ricorrono sempre più spesso alla Sanità in rete:

  • una ricerca di informazioni non solo su sintomi e patologie ma anche sui medici (non stimabile)
  • il 23% delle visita specialistiche sono prenotate online
  • il 19% di queste ultime sono pagate online.

Si tratta di tassi si utilizzo ancora limitati, ma comunque in forte crescita rispetto all’11% delle prenotazioni online e al 7% dei pagamenti del 2018.

Il completamento del processo di informatizzazione del settore clinico-sanitario, la dematerializzazione della documentazione clinica e l’accessibilità a servizi e informazioni da qualsiasi luogo, sono diventate condizioni necessarie per poter soddisfare efficacemente una domanda di salute sempre più richiesta attraverso la rete.

Circa la metà dei cittadini cerca sul Web informazioni sui medici e le strutture sanitarie, il 41% usa App e altri dispositivi per tenere sotto controllo il proprio stile di vita, il 52% usa WhatsApp per fissare o spostare una visita e il 47% per comunicare il proprio stato di salute.

Ma per poter sfruttare appieno il potenziale degli strumenti digitali, è fondamentale ripensare l’organizzazione e la governance del sistema, sviluppare le competenze del personale medico e riscrivere la relazione fra operatori sanitari e pazienti al fine di mettere il paziente al centro dei processi di cura e prevenzione, agevolando e migliorando la fruizione dei servizi sanitari.

Superamento delle barriere fisiche

La prospettiva più interessante per l’innovazione della medicina, e della pediatria in particolare, riguarda proprio il superamento delle barriere fisiche.

Le famiglie potranno trasmettere i dati sul loro stato di salute e disporre di strumenti di comunicazione con il pediatra che ridurranno lo spostamento dei pazienti dal proprio domicilio.
Questo sopratutto per quanto riguarda tutte quelle questioni dove la presenza fisica dal medico non è necessaria. Ad esempio ci sono gestionali medici come neoPed che permettono di inviare ricette dematerializzate direttamente sul cellulare dei pazienti, questo senza il bisogno di far venire i pazienti in studio.

Si sta andando verso un nuovo modello di sanità molto più “connessa” e tecnologicamente avanzata, con la possibilità per pediatri e pazienti di avere il proprio studio medico sempre a disposizione con un click.

Oggi che l’informatica è appannaggio di tutti e consente ormai di scambiare quantità di informazioni ricche e dettagliate senza spostarci, è praticamente impossibile pensare di portare avanti la gestione di uno studio pediatrico senza l’aiuto di software gestionali attraverso cui effettuare visite in teleassistenza, inviare ricette dematerializzate via mail o direttamente su cellulare, gestire la fatturazione, etc.

Soluzioni che supportano ogni giorno i pediatri nella loro professione, lasciandogli più tempo a disposizione da dedicare alla cura della relazione con i suoi pazienti e alla loro presa in carico.

Accompagnare agli operatori sanitari nel loro percorso di innovazione semplificando il processo di procurement è dunque fondamentale per incentivare una triangolazione virtuosa fra famiglie e pazienti più esigenti, il vecchio sistema sanitario e la tecnologia, che è destinata a cambiare radicalmente in rapporto medico-paziente così come lo abbiamo conosciuto fino ad ora.

L’adozione delle tecnologie digitali e la loro corretta integrazione nel Patient Journey, se pienamente sfruttate, consentirebbero di creare un modello di sanità più adatto a rispondere alle mutate esigenze sanitarie della popolazione che metta davvero il paziente al centro del sistema salute.

È in questa prospettiva che dobbiamo immaginare una pediatria moderna al passo con le esigenze del momento, in cui il pediatra deve impadronirsi anche delle tecniche di sviluppo delle soluzioni basate sulle esigenze del paziente.