Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546

Related Posts

Di progresso, di medicina e di informatica: come l’interconnessione tra discipline specialistiche è un bene per tutti

Di progresso, di medicina e d’informatica: come l’interconnessione tra discipline specialistiche è un bene per tutti

Ad oggi c’è quasi un rapporto di sinonimia tra progresso sociale e sviluppo nei servizi ITC, che ormai si propongono di innovare e rendere più efficienti tanti processi in molti settori diversi.

Per quanto riguarda il settore sanitario, ad esempio, le possibilità della tecnologia hanno permesso lo sviluppo del sistema TS e di tutti i servizi che offre al comune cittadino, come l’attestazione della partecipazione al sistema sanitario nazionale e tutti i benefici che questo comporta. Dal 2011, il documento sanitario è stato dotato di microchip, con la denominazione di Tessera Sanitaria-Carta Nazionale dei Servizi (TS-CNS), per permettere di far confluire in unica tessera la possibilità di accedere a servizi sanitari e a quelli della PA.

Grazie alla tessera sanitaria, oggigiorno onnipresente nel portafoglio degli italiani, sono tanti i servizi a cui il cittadino può accedere in maniera semplice, veloce e massimamente efficiente. Dalle ricette elettroniche fino agli acquisti dei farmaci, i cui scontrini fiscali vengono inviate in maniera simultanea al ministero delle finanze, tutti i servizi dell’infrastruttura informatica che soggiace al sistema TS hanno significato migliori prestazioni sanitarie per l’utente, coordinamento tra i ministeri interessati, quindi efficienza del servizio.

Fascicolo sanitario elettronico: la medicina supera la carta, per superarsi nell’efficienza

Più delle parole, una dimostrazione della tesi è proprio una descrizione di un mezzo innovativo: in questo caso è opportuno considerare l’utilità del fascicolo sanitario elettronico, uno strumento che soppianterà la cartella clinica cartacea con mille vantaggi per il paziente.

Una buona diagnosi viene resa più veloce nell’esecuzione anche dalla completezza dell’anamnesi. Il fascicolo sanitario elettronico permetterà ai medici di eseguire diagnosi sempre più precise in un minor lasso di tempo, grazie alle informazioni sulla storia clinica del paziente.

Quello che una volta era la cartella clinica diventa ora, grazie all’ausilio della tecnologia, un fascicolo elettronico che coniuga completezza, ordine e sistemazioni dei dati con facilità di utilizzo e con semplicità di reperibilità propria dei mezzi informatici.

A differenza della cartella clinica cartacea, che deve essere locata in un posto fisico ben preciso e che deve essere materialmente trasportata per essere fruibile da altri medici, un fascicolo elettronico è raggiungibile dagli aventi diritto all’accesso da ogni postazione in remoto, basta sia dotata di una connessione internet.

Un metodo facile e veloce di raccogliere e conservare la storia sanitaria di ogni paziente, senza mettere a repentaglio la sua privacy.

Le informazioni biomediche di ognuno sono infatti dati riservati, quindi se è la regione a gestire il FSE, il personale medico può consultarlo salvo previo consenso dell’interessato.

Infrastruttura TS: quando il Covid è il “booster”

L’esperienza degli ultimi due anni ha fortificato la consapevolezza di quanto il supporto informatico sia, e sarà, fondamentale per aiutare la scienza medica ad espletare il compito di protezione della salute, diritto inalienabile sancito dalla nostra costituzione.

Ogni crisi, solevano dire i greci, porta in sé mille possibilità di cambiamento, di miglioramento: è stato così anche per quando riguarda la pandemia del Sars-CoV2 che, sebbene abbia stravolto quotidianità, abitudini, interazioni sociali e logiche complementari, ha decisamente contribuito allo sviluppo dell’informatizzazione del settore medico e, in modo più generale, di tutti i servizi connessi alla pubblica amministrazione.

Se grazie al TS è stato possibile una gestione più smart della pandemia è anche vero che le necessità della pandemia sono stati stimoli per ampliare le possibilità del Sistema, instaurando di fatto un rapporto di azione reciproca.

I servizi che offre l’informatizzazione dei dati clinici hanno permesso di ridurre i tempi dell’invio dei dati, utili nel caso di tamponi, sia antigenici che molecolari, test sierologici, campagna di vaccinazione, sviluppo di un app dedicata, ovvero Immuni, e la Certificazione verde, più comunemente detta Green Pass.

Tamponi molecolari e antigenici

Per quanto riguarda i tamponi effettuati per individuare i positivi al Covid19, il Sistema TS è di ausilio allo screening, collaborando con i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, con le ASP e le USCA locali, le province e le regioni. Ogni esito di un tampone, negativo o positivo che sia, viene comunicato dalle autorità competenti al Sistema TS, che assegna un NRFE (Numero di referto elettronico per i tamponi rapidi) e un CUN (Codice univoco nazionale per i tamponi molecolari) che lo identifica univocamente a livello nazionale.

Il Sistema TS ha supportato tale iniziativa in molti modi:

  • acquisendo ed elaborando il numero di kit dei tamponi
  • rendendo disponibile all’assistito la consultazione dei referti relativi ai tamponi
  • rendendo disponibile ai Dipartimenti di prevenzione delle ASL competenti l’elenco dei soli referti positivi
  • fornendo statistiche sul numero di tamponi

Test sierologico

Anche per quanto riguarda i dati relativi ai test sierologici, il TS ha messo a disposizione la sua infrastruttura in modo che la trasmissione delle informazioni tra amministrazioni periferiche e centrali.

Vaccini e Green Pass

La campagna vaccinale contro il Sars-CoV2 ha richiesto un’organizzazione capillare tra ministero e tra regioni. Infatti ogni regione ha predisposto una piattaforma apposita e differente per prenotare l’inoculazione. Grazie al sistema TS Regioni e ASL hanno avuto in tempi celerissimi l’elenco degli idonei alla somministrazione, grazie ad un censimento effettuato con gli stessi dati clinici, forniti dalle regioni stesse.

Children Vaccination. Preteen Black Girl Getting Vaccinated For Covid-19 Prevention Sitting In Clinic. Medical Worker Wearing Face Mask Injecting Kid Patient. Antiviral Immunization. Cropped

La trasmissione dei dati al ministero rende possibile anche l’erogazione veloce della certificazione verde, più comunemente chiamato green pass. Questo documento attesta la propria immunità, o presunta tale, al covid, tramite avvenuta vaccinazione o grazie esito negativo di un tampone.

Il sistema TS ha permesso a tutti gli enti in grado di effettuare tamponi o somministrazione di dosi di trasmettere dati della loro attività, al fine di elaborargli e ridare all’utente finale una certificazione valida o, in caso di tampone positivo, di sospenderla per la salvaguardia della collettività.